Mostre e biblioteche virtuali: visitare la cultura in quarantena

Risulta impossibile immaginare di sostituire le emozioni suscitate dalla vista di un capolavoro artistico dal vivo o l’atmosfera di una biblioteca.
Fortunatamente, tuttavia, l’era del digitale ha reso possibile -anche facile, talvolta- avere accesso ad una fonte ampissima di informazioni e risorse.
Mostre e biblioteche virtuali, così come spettacoli e concerti sono disponibili online e, in questo particolare momento storico, possono costituire più di sempre un ottimo impiego di tempo.

Di seguito, un elenco di “portali” di accesso a tali risorse e qualche spunto di attività da poter svolgere.
Innanzitutto il sito (di cui è scaricabile anche l’app per cellulare) Arts & Culture di Google, raccolta online di immagini in alta risoluzione di opere d’arte, organizzate in visite virtuali.
La piattaforma sfrutta la stessa tecnologia del progetto Street View, sempre di Google, per consentire l’esplorazione delle esposizioni di vari musei del mondo.
In particolare, sono interessanti i progetti relativi ad artisti tra cui, ad esempio: Frida Kahlo, Monet e Van Gogh.

Si uniscono all’iniziativa anche alcuni dei musei più noti al mondo, sia fornendo il proprio contributo al programma di Google, che nei propri siti web.

1.Il Louvre
Il Louvre, museo d’arte per antonomasia e monumento iconico della città di Parigi, offre tour virtuali delle principali esposizioni, tra cui i lavori di Michelangelo.

2.La Galleria degli Uffizi
La galleria fiorentina ospita una raccolta di opere d’arte inestimabili, derivanti, come nucleo fondamentale, dalle collezioni della famiglia Medici, arricchite nei secoli da scambi e donazioni.

3.I Musei Vaticani
I Musei Vaticani dispongono di una delle raccolte d’arte più vaste al mondo, esponendo le opere accumulate dai papi nel corso dei secoli dalla fondazione, avvenuta nel XVI secolo. È possibile ammirarle in una visita che include le principali attrazioni e gli affreschi della Cappella Sistina.

4.La National Gallery of Art di Washington
Fondata nel 1937, la National Gallery of Art di Washington copre, con le sue collezioni ricche di capolavori, quasi settecento anni di storia, dall’arte bizantina a quella del XX secolo.

5.Il Metropolitan Museum of Arts
Il “Met” di New York contiene più di due milioni di opere d’arte e propone, sul proprio sito web, una collezione online e tour virtuali di lavori di artisti come Vincent van Gogh, Jackson Pollock e Giotto di Bondone.

6.Il Dalí Theatre-Museum
Il Dalí Theatre-Museum, situato nella città di Figueres, in Catalogna, è interamente dedicato all’opera di Salvador Dalí, oltre ad essere luogo di sepoltura dell’artista stesso. Attraverso le varie esposizioni, disponibili in versione virtuale, è possibile percorrere le tappe fondamentali della vita del genio artistico.

Per chi, invece, fosse interessato alla lettura, un’iniziativa altrettanto interessante è la World Digital Library dell’UNESCO.

“Sappiamo che molti di voi sono a casa e che le pareti sembrano sempre più opprimenti. Quindi… scoprite la Biblioteca Digitale Mondiale: si può avere accesso gratuito a migliaia di libri, documenti e foto provenienti da tutti i Paesi e culture”

Con un semplice tweet contenente questo messaggio, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura ha annunciato l’apertura della biblioteca.

Si tratta di una vera e propria biblioteca digitale, disponente di quasi 20mila documenti tra libri, mappe, fotografie, manoscritti, manufatti museali e pergamene, consultabile da casa.
Tra i principali obiettivi del progetto si trova la collaborazione tra i popoli in ogni campo dell’attività intellettuale ed oggi, con il contributo del digitale, è sempre più facile prendere parte, anche soltanto da dietro un computer, a tale cooperazione.

Sull’Autore

Articoli Collegati