Interfaccia Neurale: The Moment, il regista sei tu!

Quante volte dopo aver visto un film abbiamo detto/ascoltato frasi del tipo: “vorrei fosse andata diversamente” oppure, “quella scena era interminabile e noiosa potevano tagliarla”, da oggi potrai decidere tu come si svolgerà il film che stai guardando. Sei pronto a vestire i panni del regista?

Pellicola del film e visione

The Moment è l’ultimo capolavoro del regista Richard Ramchurn, un cortometraggio di 27 minuti la cui trama verte sul tema del lato oscuro della tecnologia in particolare appunto sulle Brain-computer interface ovvero le interfacce cervello-computer.

Qual è la particolarità di questo film? Il suo andamento dipende dalle emozioni dello spettatore.

The moment è un esempio di film interattivo, che è stato presentato in modo ufficiale allo Sheffield International Documentary Festival.

Si tratta di un’esperienza non del tutto nuova per il regista da sempre affascinato dalla frontiera “interfaccia neurale“, infatti qualche anno fa ci provò con il cortometraggio The Disavantages Of Time Travel, se vogliamo un prototipo, un primo esperimento in cui l’ambientazione del film cambiava a seconda del battito delle ciglia dello spettatore.

Caratteristiche dell’interfaccia neurale

Il dispositivo attraverso il quale gli spettatori possono agire sul film è un’apparecchiatura che analizza l’attività celebrale dello stesso inviando poi i dati dai sensori (come quelli usati per l’elettroencefalografia) ad un computer il quale li elabora e ne utilizza i risultati per scegliere la storia da costruire.

Collettività o individualità?

Se il film lo si guarda soli la domanda non si pone ma se invece gli spettatori sono multipli il dispositivo come si comporta?

Per ora la tecnologia di Ramchurn non è destinata ad essere utilizzata in maniera collettiva, ogni persona è diversa e unica, sincronizzare le emozioni di un’intera platea sarebbe quasi irreale.

Questo dispositivo di interfaccia neurale rappresenta sicuramente un’innovazione nell’ambito cinematografico, un enorme cambiamento sia dal lato spettatore che dal lato regista: cambierà il modo di produrre film e cambierà il modo di vedere film. Il già visto non esisterà più poiché lo stesso film non sarà mai uguale alla visione precedente o antecedente.

Tieniti pronto perché il finale del prossimo film potrebbe essere il tuo!

Sull’Autore

Articoli Collegati