EasyReading: font inclusivo per la dislessia

L’immagine grafica delle parole ci colpisce come un oggetto permanente e solido, più adatto del suono a costituire l’unità della langue attraverso il tempo”, così Saussure nel 1916 definiva la scrittura, e più specificamente i segni grafici: il font.

EasyReading si inserisce in questa tradizione, in cui il significato di “font” trascende l’accezione di vanto stilistico e indaga, al contrario, la sua funzione primordiale: comunicare efficacemente.

EasyReading è il font “Dyslexia Friendly”, pensato cioè per aumentare la leggibilità dei testi per lettori dislessici, ma in grado di migliorare l’esperienza di lettura per tutti i tipi di lettori, sia online che offline.

Abbiamo intervistato per voi Federico Alfonsetti, ideatore di EasyReading. Il team di EasyReading

EasyReading è un carattere esplicitamente “dedicato” ai lettori dislessici.
Da dove nasce l’idea di progettare un font pensato proprio per chi soffre di dislessia? Perché proprio ora?Nella nostra precedente attività di editori ci siamo sempre preoccupati di realizzare libri ad alta leggibilità. Quando Daniele Zanoni, un nostro autore dislessico, mi ha suggerito di sviluppare un font dedicato ai lettori con dislessia, la proposta ha suscitato in noi un certo interesse e nella fase iniziale di documentazione abbiamo iniziato ad approfondire la problematica dialogando con psicologi, pedagogisti, logopedisti, con le famiglie e con i ragazzi dislessici. E proprio sentire leggere questi ragazzi… è stata la scintilla che ci ha convinto che valeva la pena provarci.

“È che le parole ci ballano davanti agli occhi e le lettere saltellano a volte: ecco io sono tutto li”

Inizialmente l’idea era di creare un font per agevolare la lettura a chi è dislessico ma poi il progetto ha imboccato la strada più ampia ed inclusiva del Design for All (Disegno Universale).
Il progetto ha iniziato a girare attorno alle idee di Bruno Munari, Maestro del design italiano, sulla comunicazione visiva:“La comunicazione visiva – ha scritto Munari – comprende anche la forma del carattere. Occorre che l’immagine usata sia leggibile a tutti e per tutti nello stesso modo, altrimenti non c’è comunicazione visiva”.
Le difficoltà del lettore dislessico sono diventate per noi un’opportunità per realizzare un font che agevolasse la lettura a tutti.

EasyReading può essere considerato un valido strumento compensativo per i lettori con dislessia e un font facilitante per tutte le categorie di lettori.
Dove sono stati registrati i risultati migliori grazie a questo font? Sul web o sulla carta stampata?
Il font è stato testato attraverso la lettura su carta stampata.
A livello internazionale EasyReading è l’unico carattere esplicitamente “dedicato” ai lettori dislessici che, sottoposto a ricerca scientifica autonoma e indipendente sul suo grado di leggibilità, ha ottenuto risultati positivi.
La ricerca, condotta dalla dottoressa Christina Bachmann, psicologo clinico e psicoterapeuta del Centro Risorse Clinica Formazione e Intervento in Psicologia di Prato, Vicepresidente dell’Ordine degli Psicologi della Toscana, su un campione ampio e rappresentativo (533 alunni della classe quarta primaria, normolettori e dislessici) attesta che: “I risultati, che appaiono significativi da un punto di vista sia statistico che clinico, ci consentono di affermare che EasyReading può essere considerato un valido strumento compensativo per i lettori con dislessia e un font facilitante per tutte le categorie di lettori”.
Inoltre EasyReading ha ricevuto dall’Associazione Italiana Dislessia (AID), parere positivo per le sue specifiche caratteristiche grafiche che sono utili ad agevolare la lettura a chi presenta problematiche di Dislessia.

Il tema dell’accessibilità al web è molto in voga negli ultimi anni. In che misura viene influenzata dall’adozione di questo nuovo font?
La peculiarità di EasyReading è di essere un font “Dyslexia Friendly”,  dedicato esplicitamente al lettore dislessico, ma di alta leggibilità per tutti. Questo fa sì che possa essere utilizzato senza penalizzare nessuna categoria. Ritengo l’inclusività anche una scelta giusta sotto il profilo commerciale.
Per valutare personalmente la leggibilità del font andate alla pagina “Provalo” nel nostro sito e provate a scrivere con EasyReading.

In che misura pensa che EasyReading possa impattare sulla vita delle persone?
Leggiamo quasi con la stessa frequenza con la quale respiriamo, ma se decifrare le lettere non è chiaro e immediato sprechiamo energie inutilmente.
Il carattere tipografico è la cinghia di trasmissione tra il testo e il lettore, e la sua alta leggibilità ci consente di investire tutte le energie nella comprensione dei contenuti.

Chi ha sostenuto più di tutti il vostro progetto?
Ovviamente i soci di Edizioni Angolo Manzoni Nino Truglio e Enzo Bartolone, realtà in cui è nato il font.
In questa prima fase abbiamo ricevuto il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico, che attraverso la Fondazione Valore Italia – Esposizione permanente del Made in Italy e del design italiano per la valorizzazione economica del disegno industriale ci ha premiato come eccellenza del design italiano concedendoci incentivi.
Successivamente ha creduto nel progetto Uberto Cardellini, il nostro consulente commerciale, che lo ha presentato all’investitore Marco Canali, il tassello quasi sempre più difficile da trovare per una start-up. Senza il suo entusiasmo e contributo non sarebbe nata la EasyReading Multimedia, la Società che commercializza e implementa il font.
A proposito di implementazione, sono in fase di realizzazione anche gli alfabeti cirillico, greco e copto (antico e moderno).

L’editoria italiana e perché no, anche mondiale, si sta occupando della creazione di contenuti adatti al sostegno dei DSA? E la pubblica istruzione italiana?
EasyReading è utilizzato, nel settore della didattica, da importanti case editrici italiane. Per citarne alcune: SEI, Pearson, De Agostini Scuola, RCS Libri.
In questi giorni stiamo perfezionando un contratto con Flammarion, uno dei maggiori editori francesi.
L’attenzione del sistema italiano dell’educazione al disturbo della dislessia si sta attivando. EasyReading è utilizzato su numerosi siti web delle Università e del Ministero della Pubblica Istruzione (MIUR).

Sull’Autore

Social Media Manager e Copywriter, amo scrivere e non mi stanco mai di conoscere e di mettermi alla prova. Da grande mi immagino al fianco di Kylo Ren al governo della galassia.

Articoli Collegati