#360pagine – Stefano Benni, il re della letteratura umoristica italiana

Stefano Benni, poliedrico scrittore italiano, è il re della nostrana letteratura dello humour. Arguto e fuori dagli standard canonici della narrativa italiana, Benni è un uomo che non si ferma mai dallo spirito giovane, un’autore che si distingue per la sua costante e sfolgorante ironia, che ha fatto delle sue parole divertenti e dissacranti il suo tratto distintivo.

Ph credit Iroki via Flickr

La sua bibliografia intera lo distingue nel panorama letterario nostrano proprio per questo: un’ironia dilagante, estrosa e pungente domina tutti i suoi scritti. Benni gioca molto con l’arte della scrittura per creare le sue storie, divertendosi con le parole e creandone di nuove e fantasiose, dimostrando un abilità dialettica fuori del comune.

Una fantasia sconfinata domina le sue storie, con ambientazioni visionarie, narrazioni originali e buffe, personaggi grotteschi e situazioni paradossali. Alcune sono eccentriche sì, ma unite al divertimento sono un’ottima facciata per una critica sociale profonda.

“Ma che paese è questo dove gli unici che hanno ancora qualche speranza vengono chiamati disperati?”
-Stefano Benni, Elianto

Non solo comicità dunque nelle pagine dell’autore bolognese: tra le sue righe leggiamo una chiara denuncia alla nostra Italia degli ultimi vent’anni, prendendone in giro usi e costumi, televisione e politica. Nessuno risparmiato da una satira acuta mascherata da ampi sorrisi per raccontare al suo pubblico ciò che all’autore non piace del mondo che lo circonda.

Stefano Benni nasce nel 1947 a Bologna, ma cresce tra le montagne dove forma il suo spirito libero, con uno sguardo attento alla natura e le sue meraviglie. È riuscito a capire sin da giovane che il suo talento era maneggiare una penna e aprire la sua mente a un foglio bianco. Inizia la carriera da scrittore pubblicando a puntate sulla rivista Il mago, il celeberrimo Bar sport, libro cult che racconta i retroscena comici di ogni bar di quartiere del nostro Belpaese.

Copertina Bar Sport, ph credit Amazon

Leggendo la sua biografia sul suo sito web ufficiale, si comprende la versatilità di quest’uomo. Nella sua vita ha lavorato a opere teatrali, a sceneggiature televisive, era persino lo scrittore delle battute di Beppe Grillo all’inizio della sua carriera da comico. Ha collaborato con il Manifesto, Panorama e la Repubblica. Ha fondato Pluriversità dell’Immaginazione, e collabora dal ’99 al Festival internazionale del jazz Rumori mediterranei di Roccella Jonica. Ha scritto poesie, canzoni, quindici romanzi e sedici raccolte di racconti. Un uomo che è una forza della natura e non riesce a stare fermo, giostrandosi e dando il meglio di se su più fronti, non riuscendo mai a non esprimere la propria chiara opinione.

I suoi racconti brevi sono celeberrimi e magistrali. Tra le sue raccolte più famose troviamo Il bar sotto il mare, edito da Feltrinelli la prima volta nel 1987. La premessa dell’antologia vede un uomo incuriosito da un vecchio che si immerge totalmente nel mare, scomparendo: seguendolo si ritroverà a fare capolino proprio nel Bar sotto il Mare. A questo punto l’uomo senza nome verrà invitato dall’oste a rimanere perché quella sera ogni avventore racconterà una storia. E così che una serie di bizzarri personaggi si alterneranno a raccontare brevi geniali storielle, facendo della raccolta un moderno, divertente e irriverente Decameron.

Stefano Benni

Copertina di Prediluna, ph credit Feltrinelli

Stefano Benni ha scritto non solo racconti, ma anche molti romanzi, tra cui Terra, Elianto, La compagnia dei celestini, Stanalandia. L’ultimo, pubblicato nel 2017, è Prediluna. Il libro narra la stramba storia di una anziana signora che va in giro per il mondo a cercare dieci persone degne di accudire i suoi altrettanti gatti, azione svolta con l’obiettivo supremo di salvare il mondo. Un romanzo onirico e delirante, che è quanto mai fedele alla produzione dello scrittore, divertente e mordace nei confronti del mondo.

“Se impari a giocare col pallone vero puoi diventare un campione, ma se sai giocare col Pallone Invisibile sei quello che vuoi tu, sei tutti i campioni che ci sono al mondo.”
– Stefano Benni, Prediluna

Stefano Benni è uno degli scrittori più famosi del nostro Paese, un intellettuale le cui storie sembrano raccontate da un adulto che indossa grandi occhiali per vedere il mondo con gli occhi di un bambino. Un’autore che non ha paura di esporsi, un ribelle poliedrico che ci ha regalato stupendi libri, che speriamo continuino a divertire e ispirare ancora generazioni di lettori, come hanno fatto con noi.

 

 

Fonti
Stefano Benni Official
Biografie Online

in copertina ph credit Claude Truong-Ngoc

Sull’Autore

Classe '88, varesotta trapiantata nella bella Trieste, divoratrice di libri e serie TV. Quando ero bambina da "grande" sognavo di fare la giornalista, e ora che sono diventata grande scrivo di quel che più mi piace.

Articoli Collegati