Mr. Robot 3: sovvertire la rivoluzione (SPOILER)

***CONTIENE SPOILER SULLA TERZA STAGIONE DI MR. ROBOT***

Continua il trip di Mr. Robot: mancano solo due puntate al finale della terza stagione di una delle serie più apprezzate degli ultimi anni, in programmazione dall’11 ottobre scorso negli States su USA Network. La conclusione della seconda stagione, in cui è difficile distinguere cosa sia reale e cosa no e in cui Elliot cerca di riprendere il controllo sulla sua mente, ha spiazzato gli spettatori con un cliffhanger finale. Il primo episodio di Mr. Robot 3 riprende proprio da dove eravamo rimasti, con il salvataggio di Elliot.

Comincia con ritmi serrati per catapultarci da subito nel vivo delle vicende. Un cambio di narrazione che, anziché dipanarsi pian piano, si apre molto di più, rimanendo allo stesso tempo estremamente criptica. Non c’è più il velo sottile che non permetteva bene di distinguere la realtà dall’immaginazione, è tutto più esplicito e sotto gli occhi di tutti.

Molto interessanti sono i nuovi giochi di prospettive e inquadrature tra Elliott e Mr. Robot, che rendono ancora più ansiogena la narrazione. Uno stile diverso che ha un ottimo effetto, distanziandosi dalle precedenti stagioni, ma rimanendo fedele all’impronta di tutta la serie: in questo modo i nuovi episodi non risultano essere ripetitivi, né una nota stonata nella storia del brillante telefilm.

Mr. Robot 3

Credits: USA Network

Il classico dilemma tra realtà o finzione che ci ha sempre proposto lo show sembra dunque superato, rimuovendo il filtro con cui osservavamo le cose (gli occhi di Elliot) possiamo vedere più chiaramente cosa accade. L’ambiguità rimane ed è ancora evidente la schizofrenia, ma tutto assume la forma di un complotto: Elliot deve rimanere all’oscuro di tutto, mentre Mr. Robot cerca di compiere la fase due, spalleggiato da Tyrell, Whiterose e la sua Dark Army. L’hacker cerca di fare la cosa giusta, nonostante Mr. Robot stia diventando sempre più potente e le persone che lo circondano sembrino tutte cospirare contro di lui, per trascinarlo nell’oblio e compiere la tanto desiderata rivoluzione.

I protagonisti e la storia continuano a trasformarsi e mutare, con una perfetta caratterizzazione e svolte inaspettate. Darlene, dapprima coautrice dei fatti del 9 maggio e poi in cerca di giustizia, si allea con l’FBI; Angela sempre più oscura e coinvolta nei piani di Mr. Robot e Whiterose; Tyrell, ancora più squilibrato a causa della perdita della moglie e del suo arresto. In queste puntate è sempre più presente Whiterose, più misterioso di prima, che si rivela il principale macchinatore di un piano oscuro non ben definito. Un manipolatore spietato, che sconvolge menti e si libera di chi non gli è più necessario, che si approfitta del rabbioso Elliot e della sua pazzia per ottenere ciò che vuole.

La rivoluzione è stata messa nelle mani della corruzione, strumentalizzata per i fini personali dei potenti e dei loro interessi, perdendo lo scopo iniziale, diventando il controsenso di se stessa. Quella corruzione che Mr. Robot stava cercando di distruggere, quella corruzione che permette di annettere il Congo alla Cina, la stessa che fa selezionare come candidato ideale alla Casa Bianca Donald Trump.

Durante questi primi episodi vediamo Elliot lottare ancora di più contro se stesso, cercando di rimediare agli sbagli commessi dalla metà oscura della sua mente. Il protagonista si trasforma, passando da capo della rivoluzione al suo più grande nemico. Nasce in lui un dilemma etico: è giusta la libertà a qualsiasi costo? Soprattutto se la ricerca di tale libertà ci porta a sacrificare vite innocenti, nonostante lo scopo fosse perseguire un ideale che inizialmente era puro. Vediamo dunque assottigliarsi sempre di più la linea tra buono e cattivo ed Elliott diventa la metafora vivente della fusione tra bene e male, come un moderno Dr Jekyll e Mr Hyde.

Mr. Robot - Season 3

Photo by: Michael Parmelee/USA Network

In tutto ciò lo vediamo più lucido che mai, malgrado la sua follia, che cerca con tutte le sue forze di fare una rivoluzione nella rivoluzione, facendo infine pace con sé stesso. La domanda che ci poniamo è cosa succederà in questi ultimi due episodi, ci chiediamo se finalmente i due ritorneranno a lavorare assieme per abbattere un nuovo, più grande e malvagio nemico.

Continua per tutta la stagione anche il rimando agli universi paralleli, verso cui a più riprese protagonisti e comparse fanno deviare la nostra attenzione, facendoci pensare a questa possibilità: che il finale di Mr. Robot ci porti a scoprire un multiverso composto da molte realtà, in cui esisterebbero più copie di noi e in cui vedremmo solo uno dei possibili mondi. Tale svolta sci-fi, un odi et amo per i telespettatori, è supportata da svariati indizi disseminati che ci lasciano intuire un possibile sbocco verso questa direzione, dando nuovo senso e un punto di vista ancora diverso su una serie che è sempre un mistero per chi la guarda.

Mr. Robot 3 approderà presumibilmente in Italia con l’anno nuovo, per chi ha la forza di aspettare, mentre noi non vediamo l’ora di chiudere il cerchio di questa terza stagione e vedere il secondo atto della rivoluzione concludersi, oppure no.

Sull’Autore

Classe '88, varesotta trapiantata nella bella Trieste, divoratrice di libri e serie TV. Quando ero bambina da "grande" sognavo di fare la giornalista, e ora che sono diventata grande scrivo di quel che più mi piace.

Articoli Collegati