Cambiano le definizioni delle unità di misura: e quindi?

Negli ultimi giorni vi sarà capitato di incappare in notizie dal titolo roboante come “Quanto peseremo nel 2019?” oppure “Addio kilogrammo: cambiano le unità di misura”. Tralasciando quanto sia deprecabile un titolo clickbait del genere, concentriamoci sulla prossima rivoluzione del Sistema Internazionale.

Ciò che si annuncia all’orizzonte è un aggiornamento delle definizioni di quattro unità di misura, vale a dire kilogrammo, Ampere, mole e Kelvin. Non è la prima volta che qualcosa del genere accade: un esempio recente risale al 1983, quando la Conférence générale des poids et mesures cambiò la definizione del metro. Il valore assunto da quel momento è 1/299.792.458 della distanza percorsa dalla luce nel vuoto in un secondo.

La prossima Conferenza generale sui pesi e le misure è prevista nel novembre 2018, mentre le nuove definizioni sono attese per maggio 2019. Nel frattempo, possiamo tirare un sospiro di sollievo: contrariamente a quanto sembrano dire i titoli più azzardati degli articoli che circolano in Rete, le unità di misura rimarranno esattamente le stesse.

Campione della misura del kilogrammo

Il campione della misura del kilogrammo conservato a Sèvres, detto “Le Grand Kilo”

Nel corso della Storia, si sono susseguite numerose modifiche delle definizioni di varie unità di misura, allo scopo di renderle più facilmente riproducibili e verificabili. Inoltre, si sono volute garantire adeguate stabilità dimensionale ed universalità. La tendenza più recente è quella di assegnare alle varie unità dei valori riferiti a costanti fisiche universali, per fare in modo che qualsiasi laboratorio nel mondo possa ottenere il medesimo risultato dalla stessa misurazione.

Il nuovo sistema permetterebbe di prescindere da artefatti di riferimento (per esempio, la definizione di kilogrammo si basa su un cilindro di Platino-Iridio che in realtà pesa leggermente di più) e dai relativi errori nella riproduzione del campione.

Quindi, tirando le somme, nel 2019 non peseremmo di più o di meno: gli unici a riscontrare le conseguenze di questa rivoluzione silenziosa saranno i laboratori e le industrie. Ma almeno sapremo per certo che, da qualsiasi parte nel mondo, le unità di misura saranno le stesse.

Ah no, c’è ancora il sistema imperiale… Mannaggia.

Sull’Autore

Classe 1992, laureato in Ingegneria Meccanica e appassionato di progressive rock, birra e tutto ciò che ha un motore. Le bufale e la disinformazione risvegliano il Torquemada che è in me: complottisti avvisati!

Articoli Collegati