Perché guardare Dirk Gently – Agenzia di investigazione olistica

Cercate una nuova serie da iniziare? Lo strambo Dirk Gently sta per tornare su Neflix: il 14 ottobre scorso è uscita la prima puntata della seconda stagione su BBC America. Prima che faccia il suo ritorno anche sulla piattaforma di streaming, vorremmo spiegarvi il perché valga la pena seguire Dirk Gently – Agenzia di investigazione olistica.

La trama della prima stagione è incalzante ed avvincente e si svolge attorno ad un mistero: l’omicidio di Patrick Spring sconvolgerà la mediocre vita di Todd (Elijah Wood), riempiendola di misteri ed assurdità. Il delitto e il rapimento della figlia di Spring permetteranno a Todd di conoscere l’eccentrico Dirk Gently (Samuel Barnett), detective olistico.

Due moderni Sherlock Holmes e Watson, che sdrammatizzeranno l’idea d’investigazione con tanta ironia e un po’ di sana follia. Dirk infatti è un detective fuori dal comune: lui fa investigazioni “olistiche”, cerca dunque di risolvere i suoi casi basandosi sull’interconnessione delle cose.

Non c’è nulla di geniale in lui, a parte la sua stravaganza: a differenza del brillante investigatore creato da Conan Doyle, Dirk non usa il suo ingegno per risolvere misteri. Tutto ciò che gli succede sembra davvero frutto del caso, quasi da avere la fortuna di essere sempre al posto giusto nel momento giusto.

Succedono cose improbabili e che apparentemente non hanno nessun senso. Tutto ciò dona allo spettatore uno strano senso di confusione, misto ad una curiosità su dove la storia voglia andare a parare. Vale la pena continuare perchè il risultato finale è un incredibile puzzle che ricompone tutti i pezzi e gli indizi disseminati sin dalla primissima scena. L’assurdità, fusa con humor e mistero, contribuisce a dare al tutto un tono grottesco, dando quel tocco in più ad una trama già avvincente di suo e rendendo Dirk Gently davvero una serie fuori dal comune.

Dirk Gently

© BBC America

Dirk Gently – Agenzia di investigazione olistica merita attenzione anche perché è stata ispirata da un grandissimo della fantascienza: Douglas Adams, padre di Guida galattica per autostoppisti, scrittore dei romanzi sull’investigatore. Chi conosce già l’ingegnoso autore e il suo Dirk potrebbe rimanere piacevolmente sorpreso dalla reinterpretazione data dalla BBC, che gli ha reso omaggio scrivendo una storia diversa, originale e in piena linea con lo stravagante acume di Adams!

Cercando di non far troppi spoiler sulla puntata andata in onda sabato scorso, l’episodio riprende la storia dal finale scioccante in cui l’avevamo lasciata. Todd e Farah scappano dalla legge e approdano a Bergsberg, in Montana, alla ricerca di Dirk. La seconda stagione ritorna senza rispondere alle tante domande di noi fan e anzi, ne crea ancora di nuove. In questa prima puntata abbiamo un’infarinatura di nuove storie, nuove ambientazioni e nuovi personaggi, tenendo fede al format mistery e assurdamente divertente a cui siamo abituati. Il caos che avevamo ricomposto nella precedente stagione si è di sprigionato nuovo per creare una nuova trama per le puntate a venire, con un tocco fantasy in più.

Un ottimo preambolo per sviluppare una narrazione in linea con le particolarità della serie e che ha il potenziale della precedente, e di certo merita di essere seguita.

Dirk Gently’s Holistic Detective Agency”

Jade Eschete e Elijah Wood, in una scena della seconda stagione di “Dirk Gently – Agenziainvestigativa olistica ”© BBC America

La forza di Dirk Gently – Agenzia di investigazione olistica è il suo essere sopra le righe, mischiando fantascienza, ironia e mistero: una serie perfettamente incoerente e coerente allo stesso tempo. Tutto ciò la rende diversa da qualsiasi altro show in circolazione: ha il potenziale per stupire tutti!

Sull’Autore

Classe '88, varesotta trapiantata nella bella Trieste, divoratrice di libri e serie TV. Quando ero bambina da "grande" sognavo di fare la giornalista, e ora che sono diventata grande scrivo di quel che più mi piace.

Articoli Collegati