I colossi del web insieme nella lotta al terrorismo

Dalla collaborazione dei quattro colossi del web (Facebook, Microsoft, Twitter e Youtube) con Google, nasce il Global Internet Forum to counter terrorism per combattere la diffusione di contenuti inneggianti il terrorismo e la violenza.

“La diffusione del terrorismo e dell’estremismo violento è un problema globale urgente e una sfida critica per tutti noi” ha dichiarato Google. “Prendiamo questi problemi molto seriamente”, assicura, “ed ognuna delle nostre aziende ha sviluppato politiche e pratiche di rimozione che ci consentono di tenere una linea dura contro i contenuti terroristici o violenti di estremisti sulle nostre piattaforme”.

Backlit keyboard

Il lavoro dei Big di Internet si concentrerà soprattutto su tre aree:

  • Soluzioni tecnologiche: verranno ideati e migliorati progetti tecnologici congiunti già avviati, come il database Shared Industry Hash. Inoltre Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube condivideranno le best practices man mano che verranno sviluppate e implementate nuove tecniche di rilevamento e classificazione dei contenuti utilizzando il machine learning; inoltre definiranno metodi standard per offrire trasparenza sulla rimozione dei contenuti terroristici.
  • Condivisione delle conoscenze: “Lavoreremo  con esperti di contro-terrorismo, quali governi, società civile, accademici e altre aziende per condividere le conoscenze acquisite sul terrorismo” dichiara Google. “Attraverso una partnership con lo Security Council Counter-Terrorism Executive Directorate delle Nazioni unite (Un Cted) e l’iniziativa Ict4Peace, stiamo costituendo un’ampia rete di condivisione delle conoscenze al fine di collaborare con aziende più piccole per aiutarle a sviluppare la tecnologia e i processi necessari per affrontare i contenuti terroristici e estremisti online”.
  • Ricerca: verranno commissionati studi e ricerche per guidare gli sforzi di counterspeech e le future decisioni tecniche e di policy relative alla rimozione del contenuto terroristico.

I colossi del web ritengono che, lavorando insieme, potranno avere un impatto maggiore sulla minaccia del contenuto terroristico online, condividendo il meglio delle loro rispettive tecnologie e modalità operative.

Sull’Autore

Fotografa, appassionata di Brassai, Bresson e Gardin. Nell'iPod, Bob Dylan, Springsteen, Mark Knopfler (e una lista infinita). Laureata in "Culture digitali e della comunicazione" a Napoli, lì ho scoperto il mondo del web marketing. Tra la laurea e l'iscrizione alla specialistica, ho frequentato un master in "Social media e web marketing". Ora sono una neolaureata in "Comunicazione pubblica e d'impresa". Intanto, amo viaggiare e osservare attraverso il mirino della macchina fotografica.

Articoli Collegati

Partecipa alla discussione

Partecipa alla discussione