#88mph: Un Tuffo Nella Storia – La Magna Charta Libertatum

15 giugno 1215 – Oggi si ricorda la promulgazione della Magna Charta Libertatum da parte di Giovanni Senzaterra, il successore di Riccardo Cuordileone. Quando il Re fu costretto a finanziare le proprie campagne militari contro i francesi per riprendersi i territori dei Plantageneti, fu costretto a tassare le casse dei suoi feudatari. I baroni d’Inghilterra si ribellarono e marciarono contro il Senzaterra, incontrandolo nella piana di Runnymede, lo obbligarono a firmare questo nuovo documento.

La carta è da molti considerata una pieta miliare nel processo di riconoscimento universale dei diritti dei cittadini in quanto poneva dei limiti ai poteri del sovrano. Tra gli articoli di maggiore interesse si ricordano: il divieto di imporre tasse senza il consenso del Consiglio del Regno (composto dai baroni, vescovi e altri notabili), la proporzionalità della pena rispetto al reato e la garanzia di non poter essere imprigionati se non dopo un processo (habeas corpus).

La Magna Charta originale

La Magna Charta originale

Sull’Autore

Sig. Carlo per gli amici. Laureato in Relazioni Internazionali all'Università di Trieste, scrive per passione di politica estera e sicurezza (inter)nazionale. Altissimo, purissimo, serenissimo.

Articoli Collegati

Partecipa alla discussione

Partecipa alla discussione