#88mph: Un tuffo nella Storia – Operazione Weserübung

9 aprile 1940 – Operazione Weserübung

Oggi si ricorda l’inizio della campagna militare con la quale la Germania nazista si sarebbe impadronita per il lustro successivo della Danimarca e della Norvegia. Le operazioni in Danimarca cominciarono alle 5 e 20 del mattino, quando l’ambasciatore tedesco inviò un documento al Ministro degli Esteri danese in cui si offriva la protezione tedesca al paese. Nel frattempo le armate tedesche risalivano lo Jutland e Re Cristiano X firmò la capitolazione alle 14.00 dello stesso giorno.

In Norvegia le operazioni tedesche prevedevano lo sbarco di contingenti presso i maggiori porti del paese: cadde per prima Narvik, seguita da Bergen, Oslo (che era riuscita parzialmente a mobilitare le proprie truppe ma senza salvaguardare l’armamento pesante), Trondheim e Stavanger. Complici le difficoltà alleate a muoversi in un terreno simile e la mancanza di artiglieria, la Norvegia capitolò l’8 giugno, diventando uno stato fantoccio sotto il regime di Vidkun Quisling.

Le finalità nella conquista dei due paesi non erano solo strategiche (tagliare i collegamenti tra Russia e Gran Bretagna e creare un vallo atlantico che impedisse gli sbarchi Transatlantici da Capo Nord a Biarritz) ma anche ideologiche: Norvegia e Danimarca divennero un serbatoio di donne utilizzabili per l’operazione Lebensborn: preservare la razza attraverso l’accoppiamento (spesso forzato) di queste con i soldati tedeschi.

Sull’Autore

Sig. Carlo per gli amici. Laureato in Relazioni Internazionali all'Università di Trieste, scrive per passione di politica estera e sicurezza (inter)nazionale. Altissimo, purissimo, serenissimo.

Articoli Collegati