“Vi odio, però con allegria!”

Ogni generazione odia quella che viene dopo, ha scritto Salmo.

Sappiate che allora io vi odio tutti, ma con allegria. I vostri posaceneri e le Converse all stars pubblicati su instagram, quei merdosi gattini sul web, gli unicorni e Miley Cyrus, la maglietta nostalgica dei Nirvana che manco conoscete Bleach, gli Stato Sociale e tutta quella banalità pop-ribelle del cazzo, le foto in giro la notte con la bottiglia di vodka piena di acqua, il risvoltino e chi odia il risvoltino, la bisessualità femminile come moda e non come orientamento sessuale, il dilatatore, le citazioni altisonanti su fbook ma i libri chiusi, le immagini fighe con sopra aforismi d’un esistenzialismo banale da far paura, le pro-ana e le cosce che non devono sfiorarsi, le modelle ciccione che “oh mio dio sei belixxima”, i meme, il cinismo col culo degli altri, ohmiodiochepallelasquola, tumblr e le immagini riciclate. La totale, imbarazzante, disarmante, permeante assenza di originalità. Questo più di tutto. Non se ne esce. 

Sull’Autore

Cresciuto a punk-rock, 56kb e saggi sull'anarchismo sulla costa della Sardegna orientale, mi sono laureato a Bologna in Comunicazione con una tesi su web 2.0 e cyber-utopismo. Dal 2015 mi occupo di Digital Strategies nell'ambito di startup innovative. Un'ossessiva e mai sazia curiosità verso il mondo esterno ed i processi mediatici e socio-culturali che lo sottendono son ciò che mi han spinto a creare Mangiatori di Cervello, del quale sono il Direttore e Digital Strategist.

Partecipa alla discussione

Partecipa alla discussione